HD esterno: perché averne uno e come sceglierlo

Un esempio di Hard Disk esterno portatile

Avete mai sentito parlare di Hard disk esterno portatile? O di disco rigido esterno? Si tratta di un dispositivo portatile di memorizzazione, in genere di piccole dimensioni, utile per l’archiviazione di qualunque tipo di file, da non confondere con il disco rigido interno al computer, sul quale vengono memorizzati sistema operativo, programmi e file. L’HD esterno si collega al pc attraverso l’apposita porta USB e consente di trasferire su di esso, con pochi e semplici passi, tutti i file che non vogliamo assolutamente perdere, o magari portare con noi quando siamo fuori casa. Capita spesso infatti di vedere il proprio pc in fumo e con esso tutti i dati salvati, non avendo sempre la possibilità di recuperarli. Un’evenienza terrificante che può essere tranquillamente evitata con un HD esterno portatile, un dispositivo leggero e piccolo, da collegare direttamente al pc, sul quale mettere al sicuro tutto i nostri file, sia che si tratti di documenti o progetti di lavoro, che di foto, video, musica o altro.

Come scegliere l’HD esterno portatile?

La prima considerazione da fare prima di procedere all’acquisto di tale dispositivo è chiedersi qual è l’utilizzo che bisogna farne, in modo da comperare in maniera mirata rispondendo ad una reale esigenza o problema e, sostanzialmente, senza sprecare il  proprio denaro. Abbiamo raccolto online alcuni consigli su come scegliere un HD portatile e ve li abbiamo riportati in breve qui di seguito per facilitarvi la scelta. Le circostanze potrebbero essere diverse: la necessità di liberare il proprio pc da una quantità eccessiva di musica, film e file di ogni genere; l’acquisto di un nuovo pc sul quale trasferire tutte le proprie cose; o magari eseguire un backup di sicurezza del proprio materiale. Una volta fatta questa valutazione bisogna procedere alla scelta della capacità, ovvero alla mole di file che l’hard disk esterno sarà in grado di contenere. Andiamo da capacità medio-piccole come 500 GB o 1/2 TB, al costo di 45 e 50/90 euro, fino a capacità elevate come 6/8 TB, per un costo di 200/250 euro circa. In questo modo è possibile fare una spesa commisurata alle reali necessità, considerando che i file tendono ad accumularsi sempre più nel tempo e che è preferibile quindi scegliere sempre una capacità un po’ più alta rispetto a quella che ci occorre realmente in quel momento.

Una volta stabilita la capacità ideale del vostro HD esterno portatile, non dovete fare altro che assicurarvi della presenza di connessione USB 3.0 (e non 2.0 ormai obsoleta), scegliendo un modello autoalimentato (perfetto per chi è sempre fuori casa, rispetto agli HD dotati di alimentatore) ed optando infine per il design e il colore che più vi piace. In commercio ne troverete tantissime varianti, da quelle più moderne e lineari, fino ai modelli più colorati e particolari. In questo modo l’idea di comperare un hard disk esterno può tornare utile anche se doveste trovarvi a scegliere un regalo.

Perché acquistare un HD esterno portatile?

I motivi per comprare un hard disk portatile possono essere diversi e tutti validissimi. In primo luogo si tratta del modo più semplice ed efficace per mettere al sicuro i vostri file: eseguendo un backup a cadenze regolari avrete la certezza di poter recuperare i vostri file in ogni circostanza, soprattutto se il pc dovesse improvvisamente non funzionare più o avere dei problemi. Il secondo aspetto riguarda indubbiamente la praticità e la comodità di poter spostare da un luogo all’altro i vostri file di grosse dimensioni, soprattutto se avete in programma un viaggio o magari siete spesso fuori per studio o lavoro. Infine, un HD esterno portatile è il modo migliore per conservare in maniera rapida e sicura le vostre foto e i ricordi più preziosi, alleggerendo il pc di una mole considerevole di file. Tanti validi motivi per acquistare il vostro primo hard disk esterno portatile, vero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.