Smartphone caduto in acqua? Ecco come salvarlo

A chi non è mai capitata la sventura di far cadere il proprio smartphone in acqua? Che sia quella della vasca da bagno, del lavabo, di una piscina o di una fontana pubblica, l’acqua è il peggior nemico dei cellulari, in particolare degli smartphone, telefoni di nuova generazione. Ma cosa bisogna fare quando uno smartphone cade nell’acqua? Bisogna rassegnarsi e pensare a quanto ci costerà il nuovo modello o è possibile fare qualcosa per salvarlo? Secondo il blog di tecnologia Tecnoandroid.it ci sono dei vecchi “metodi della nonna” utilizzabili per far vivere nuovamente i device più moderni. Ne riprendiamo 3 che ci sembrano i più interessanti:

  1. Rimuovere la batteria. E’ il primo passo per cercare di salvare uno smartphone molto bagnato. Togliendo la batteria ci si può rendere conto se e quanto il cellulare sia stato danneggiato o infiltrato. Evitare la conduzione di elettricità è il primo obiettivo da raggiungere e quindi rimuovere la batteria il prima possibile può salvare il nostro telefono. Una specifica: l’acqua salata crea maggiori danni di quella dolce: se lo smartphone si bagna di acqua marina bisogna prima risciacquarlo con acqua dolce!
  2. Asciugare con attenzione. L’istinto non appena si recupera lo smartphone dall’acqua è quello di provare ad asciugarlo con phon o con un panno. In realtà questo passaggio può essere fatto in un secondo momento, cioè dopo aver tolto la batteria. Un segreto per asciugarlo bene è quello di non agitarlo così da evitare che l’acqua continui a penetrare nel device. Inoltre quando si utilizza il phon, è bene non metterlo troppo vicino al telefono poiché esso soffre le alte temperature e rischia di danneggiarsi.
  3. Mettere lo smartphone nel riso. Si tratta del “rimedio della nonna” per eccellenza e quello intorno al quale c’è il maggior scetticismo. Ma in realtà dopo aver seguito i primi due passi, mettere il device nel riso può aiutare poiché questo alimento ha un’elevata capacità di assorbimento dell’umidità. Immergere il telefono in una pentola piena di riso per 24 ore può salvarlo!

Infine è giusto segnalare come le aziende produttrici di telefoni stiano investendo molto nel trovare una soluzione nel caso in cui un telefono cada in acqua. E sembra che la Samsung l’abbia trovata: il nuovo GalaxyS7 infatti resiste in acqua fino a 16 ore ed una pubblicità decisamente intrigante ne sta trainando le vendite. Aspettiamo la risposta delle aziende concorrenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.